Royal Family

Piacere, principessa Charlotte di Cambridge

Embed from Getty Images
È la principessina più amata del mondo, l’unica in grado di rubare la scena a una madre e una zia universalmente ammirate: Kate Middleton e Meghan Markle.

Nonostante la giovanissima età (Charlotte è nata il 2 maggio 2015 ) si calcola che la piccola abbia già generato un indotto pari a 5 miliardi di sterline, tutti guadagni finiti nelle casse di un Paese economicamente precario a causa della Brexit. Come? Semplicemente apparendo in pubblico, grazie all’ “Effetto Charlotte”.

L’espressione, coniata sulla scia del più noto “Effetto Kate” indica quel fenomeno per il quale ogni abito o accessorio da lei indossato diventa universalmente desiderato e ricercato; i siti dei brand raggiungono boom di visitatori, gli abitini finiscono sold out nel giro di poche ore (a volte perfino minuti). Non ci è voluto molto perché il realizzasse quanto potere economico avrebbe avuto una principessa in una monarchia amata e seguita come quella inglese; dal momento in cui il Duca e la Duchessa di Cambridge hanno fatto la loro comparsa sui gradini della Lindo Wing di Londra con in braccio la loro secondogenita, nata da appena 10 ore, i designer dello scialle in cui era avvolta (valore 68 sterline) sono stati inondati di richieste da parte di genitori desiderosi di acquistare uno simile. “Nel giro di pochi minuti abbiamo notato sul nostro sito web che lo scialle stava iniziando a vendere”, racconta Gillian Taylor della G.H. Hurt & Son Ltd al Telegraph. 100.000 persone hanno visitato il loro sito web, da 183 paesi del mondo, e molti hanno anche acquistato.

Per alcuni marchi, Charlotte ha perfino aperto la strada a nuovi traguardi come accaduto per M&H, marchio di nicchia spagnolo che ha esaurito il modello indossato da Charlotte in pochi secondi (sì, secondi!) dalla diffusione delle foto che ritraggono la bambina mentre spinge un carrellino giocattolo in giardino, nel giorno del suo primo compleanno. E così ha pianificato il lancio di un e-commerce con spedizioni in Uk, Europa e Usa. E non sono solo i fortunati brand scelti da Kate Middleton per vestire la sua bambina, a godere dell’“Effetto Charlotte”, perché la simulazione si estende anche a capi di abbigliamento simili ai suoi.

Royal-baby.it vi sarà di aiuto in tutto questo: se anche voi – come 1 genitore inglese su 5 – considerate la principessina un’icona di stile da cui prendere spunto per i propri figli, o semplicemente vi incuriosisce scoprire quanto facile (e poco dispendioso) sia adottare il royal baby look, siete nel posto giusto. Buon divertimento!

Lascia un commento